Mercoledì, 17 Aprile 2013 10:16

Ordinanza 6/2013

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

OGGETTO: Modalità di conferimento dei rifiuti urbani ed assimilati in regime di raccolta differenziata. Sanzioni previste per i trasgressori.

IL SINDACO

PREMESSO CHE:
- con Delibera di Giunta Comunale n. 69 del 16/11/2012 è stato approvato il progetto di incentivazione raccolta differenziata carta/cartone/plastica, frazione secca ed organica dei rifiuti urbani;
- con decorrenza 4 Marzo 2013 è stata avviata la raccolta differenziata di prossimità dei rifiuti solidi urbani con le modalità di seguito indicate;

Visti gli obiettivi di raccolta differenziata previsti dal D. Lgs. 152/2006 e ss.mm.ii. che stabilisce, all'art. 205, un valore di almeno il 65% entro il 31/12/2012;

Visto il D.Lgs 3/4/06 n. 152 e successive modificazioni;
Visto l'art. 50 del D.Lgs. 18/8/00 n. 267;

Considerato che l'incremento della Raccolta Differenziata, è un obbligo imposto dalla normativa Nazionale (D.Lgs 152/06) e Regionale (Piano Regionale dei Rifiuti);

Considerate le finalità della normativa di favorire la riduzione dello smaltimento finale dei rifiuti in discarica attraverso il reimpiego, il riciclaggio e le altre forme di recupero;

Considerato che il comma 2 dell'articolo 184 del D.lgs. 152/06 stabilisce che sono rifiuti urbani:
a) i rifiuti domestici, anche ingombranti, provenienti da locali e luoghi adibiti ad uso di civile abitazione;
b) i rifiuti non pericolosi provenienti da locali e luoghi adibiti ad usi diversi da quelli di cui alla lettera a), assimilati ai rifiuti urbani per qualità e quantità, ai sensi dell'art. 198, comma 2, lettera g);
c) i rifiuti provenienti dallo spazzamento delle strade;
d) i rifiuti di qualunque natura o provenienza, giacenti sulle strade ed aree pubbliche o sulle strade ed aree private comunque soggette ad uso pubblico o sulle spiagge marittime e lacuali e sulle rive dei corsi d'acqua;
e) i rifiuti vegetali provenienti da aree verdi, quali giardini, parchi e aree cimiteriali;

Visti in particolare i seguenti divieti contenuti nel D. Lgs. 152/2006:
- divieto di immettere gli imballaggi nel normale circuito di raccolta dei rifiuti urbani (art. 226, comma 2);
- divieto di abbandono e deposito incontrollato dei rifiuti di qualsiasi genere (art. 192).

O R D I N A

Le utenze domestiche e non domestiche ubicate nei centri abitati del Capoluogo, della località Capparuccia e della Frazione Torchiaro sono obbligate a conferire in regime di raccolta differenziata i rifiuti urbani ed assimilati agli urbani secondo le modalità descritte di seguito;
1) MODALITA' DI CONFERIMENTO PER LE UTENZE DOMESTICHE
- rifiuti organici:
utilizzando gli appositi sacchetti biodegradabili da conferire nei bidoni stradali di color marrone recanti le relative scritte, senza limitazione di orario e giorno;
- rifiuti indifferenziati:
da conferire nei bidoni stradali di color grigio, o verde recanti le relative scritte, senza limitazione di orario e giorno;
- carta:
da conferire nei bidoni stradali di color bianco, o verde recanti le relative scritte, senza limitazione di orario con ritiro previsto tutti i GIOVEDI;

- plastica:
da conferire nei bidoni stradali di color giallo o verde recanti le relative scritte, senza limitazione di orario con ritiro previsto tutti i VENERDI;

- vetro e alluminio:
da conferire nelle campane stradali di color verde o bianche recanti le relative scritte, senza limitazione di orario e giorno;

2) MODALITA' DI CONFERIMENTO PER LE UTENZE NON DOMESTICHE (ESERCIZI COMMERCIALI, UTENZEPRODUTTIVE, ECC.);
il conferimento dovrà essere eseguito tassativamente secondo le seguenti modalità:
- VETRO: all'interno delle apposite campane presenti sul territorio senza limitazione di orario e giorno; è fatto divieto di depositare vetro su area pubblica oppure al di fuori degli appositi cassonetti;
- CARTA E CARTONE: ritiro previsto tutti i GIOVEDI con le seguenti modalità:
a. vuotatura dei cartoni da rifiuti quali polistirolo, sacchetti di nylon, appendiabiti, vetro o altro tipo di rifiuto differente dall'anzidetto cartone;
b. piegatura, sovrapposizione ed eventuale legatura dei cartoni in modo da formare corpo unico;
c. deposito dell'insieme come indicato nel punto precedente all'interno dei corretti bidoni di colore bianco, o verde recanti le relative scritte;
d. per gli esercizi commerciali imprenditoriali e professionali (utenze professionali) ai quali sia stato fornito apposito cassonetto, dovranno provvedere a spostarlo al di fuori del proprio cortile fino al punto più vicino alla pubblica via;
e. è fatto divieto di depositare cartoni su area pubblica con modalità ed in giorni diversi da quelli indicati;

- PLASTICA: ritiro previsto tutti i VENERDI con le seguenti modalità:

a. vuotatura i contenitori o le bottiglie del loro contenuto o altro tipo di rifiuto differente dall'anzidetto;
b. lavare, piegare e schiacciare la plastica in modo da formare corpo unico;
c. deposito dell'insieme come indicato nel punto precedente all'interno degli appositi bidoni di colore giallo o verde recanti le relative scritte;
d. per gli esercizi commerciali imprenditoriali e professionali (utenze professionali) ai quali sia stato fornito apposito cassonetto, dovranno provvedere a spostarlo al di fuori del proprio cortile fino al punto più vicino alla pubblica via;
e. è fatto divieto di depositare plastica su area pubblica con modalità ed in giorni diversi da quelli indicati;

3) è altresì fatto divieto di abbandonare materiali ingombranti e RAEE su aree pubbliche: gli stessi potranno essere conferiti presso l'"Ecocentro intercomunale Val d'Ete", centro di raccolta dei rifiuti urbani sito nella zona artigianale Valdete-Via del Lavoro,17/a del Comune di Monte Giberto;

4) rimangono in vigore le precedenti ordinanze in materia per le parti che non confliggono con il presente provvedimento;

V I E T A

• Il conferimento/esposizione dei rifiuti a terra e/o in modalità diverse da quelle indicate e specificate all'interno del Vademecum informativo precedentemente consegnato alla cittadinanza ed appresso riportate;

• Il conferimento dell'umido nel cassonetto marrone con un sacchetto diverso da quello appositamente fornito, ovvero la cui biodegradabilità non sia certificata ai sensi della norma UNI EN 13432-2002;

• Il conferimento all'interno del cassonetto marrone di ogni e qualsiasi rifiuto che non sia conforme al rifiuto umido-organico così come identificato secondo le indicazioni, avvertenze e modalità espressamente indicate all'interno delle Guide/Opuscoli informativi precedentemente consegnati alla cittadinanza;

• Il conferimento all'interno del cassonetto grigio o verde contrassegnato dal cartello "Raccolta Indifferenziato" / "Indifferenziato" di altri rifiuti diversi rispetto alle indicazioni, avvertenze e modalità espressamente riportate all'interno delle Guide/Opuscoli informativi precedentemente consegnati alla cittadinanza;

• Il conferimento all'interno del cassonetto giallo o verde contrassegnato dal cartello "Raccolta Plastica" / "Plastica" di altri rifiuti diversi rispetto alle indicazioni, avvertenze e modalità espressamente riportate all'interno delle Guide/Opuscoli informativi precedentemente consegnati alla cittadinanza;

• Il conferimento all'interno del cassonetto bianco o verde contrassegnato dal cartello "Raccolta Carta" / "Carta" di altri rifiuti diversi rispetto alle indicazioni, avvertenze e modalità espressamente riportate all'interno delle Guide/Opuscoli informativi precedentemente consegnati alla cittadinanza;

• L'abbandono dei rifiuti ingombranti, dei RAEE, delle potature in qualsiasi punto del territorio pubblico;

• Lo spostamento di ogni e qualsiasi contenitore e/o cassonetto dalla propria collocazione originaria;

• Il conferimento/esposizione dei sacchi dei rifiuti aperti;

S T A B I L I S C E

Fatte salve le più gravi sanzioni disposte dal decreto legislativo n. 152/2006 e dalle vigenti leggi in materia, ai trasgressori che non si atterranno strettamente a quanto stabilito dal presente provvedimento, sarà applicata una sanzione amministrativa pecuniaria da Euro 25,00 a Euro 500,00, a norma dell'art. 7 bis del decreto legislativo n. 267/2000. Dall'accertamento della violazione consegue l'applicazione della sanzione accessoria dell'obbligo di ripristino dello stato dei luoghi a carico del trasgressore.

DEMANDA agli agenti di Polizia Municipale il controllo sul rispetto della presente Ordinanza, anche su eventuale segnalazione della società di gestione del servizio di raccolta dei rifiuti differenziata, e l'applicazione delle sanzioni previste.

Il Comune si riserva di avvalersi del personale di protezione civile del gruppo comunale per effettuare un monitoraggio costante sul conferimento dei rifiuti e verificare il rispetto delle modalità stabilite.

Il presente provvedimento è portato a conoscenza della popolazione tramite affissione all'Albo Pretorio, portale web del Comune ed altre eventuali azioni informative.

Si informa che contro il presente provvedimento può essere proposto ricorso al T.A.R. delle Marche entro 60 giorni dalla notificazione dell'atto oppure, in alternativa, ricorso straordinario al Presidente della Repubblica entro 120 giorni dalla notificazione del documento medesimo.

Letto 1575 volte
Altro in questa categoria: « Ordinanza 4/2013 Ordinanza 7/2013 »
Sei qui: Home Ordinanze Ordinanza 6/2013